domenica 26 giugno 2016

Lo sport fa dimagrire?

Come molti di voi sapranno, pratico il Nordic Walking da molto tempo e recentemente ho sostenuto (con soddisfazione) l'esame per passare da Istruttore a Maestro SINW. Questa mia attività mi porta spesso a consigliare questo sport ai miei pazienti, anche per aiutarli a perdere peso in maniera sana e produttiva. Molti attuano una strategia rivolta al solo aumento dell'attività fisica quando cercano di perdere peso, ma lo sport può far effettivamente dimagrire? Risposta breve: no. Mi rendo conto però che questa risposta non è assolutamente sufficiente, perché quel "no" racchiude dentro di sé tantissimi "però".

Le calorie

Cominciando dalla base, possiamo dire che, come scritto più volte, ad esempio nel post Questione di metabolismo e nei post linkati in esso, la perdita di peso dipende da una differenza tra le calorie ingerite e quelle spese. Lo sport fatto per dimagrire e la dieta dimagrante mirano a questo obiettivo: aumentare il divario tra calorie spese e calorie ingerite.
Mangiare di meno vuol dire dare meno energia al nostro corpo, energia che per fare le nostre attività deve comunque essere spesa, quindi viene presa dalle nostre riserve di grasso: semplice, lineare, quasi banale.
Allo stesso modo, aumentare l'attività fisica con la pratica sportiva fa in modo di bruciare più calorie, quindi sicuramente favorisce il consumo delle riserve di grasso a fini energetici. Anche qui, semplice, lineare, quasi banale.

L'allenamento

La dieta dimagrante e l'esercizio fisico sono insieme il modo migliore per calare di peso, il problema sorge quando cominciamo a pensare di utilizzare il solo sport per dimagrire. L'attività fisica quotidiana suggerita da qualsiasi linea guida è una camminata di trenta minuti al giorno a passo svelto. Non si può certo definire uno sport, ma è un modo per rendere più attiva la nostra vita, troppo spesso fissata a divani, sedie e automobili. Esiste anche una piramide dell'attività fisica, che mostra in che modo ci si dovrebbe comportare (vedi qui a fianco): muoversi il più possibile durante la giornata, fare attività fisiche diversificate durante la settimana (meno frequenti quelle più pesanti, più frequenti quelle più leggere) e non rimanere seduti costantemente. In pratica, l'uomo non è fatto per stare fermo. Però lo sport può anche far male, ed è uno dei motivi per cui non fa dimagrire.

L'allenamento fisico ha delle regole che vanno rispettate, altrimenti si possono fare dei grossi danni. Fondamentalmente si tratta di considerare il riposo come parte integrante dell'allenamento. Ovviamente mi rivolgo a chiunque non pratichi uno sport a livelli alti o altissimi (che generalmente può anche usufruire di aiuti professionali sia dal punto di vista dell'allenamento che della dieta), ma soprattutto a chi lo fa per hobby o saltuariamente.

Il riposo è importante perché permette il miglioramento. Seguendo l'immagine qui a sinistra possiamo renderci conto di quello che sto dicendo: una persona comincia a correre, subito dopo la corsa è stanco e sta peggio di quanto stesse prima dell'inizio. Ha bisogno di recuperare. Il fisico recupera e, tempo uno o due giorni, l'effetto della corsa si fa vedere: ora si è in una condizione migliore del primo giorno perché i muscoli hanno reagito allo sforzo e sono pronti a gestirne uno di uguale intensità con più facilità (nell'immagine è il punto 1). Questo è il momento migliore per fare di nuovo un allenamento e se anche in questo caso i tempi di recupero verranno rispettati allora la situazione migliorerà costantemente.

In caso contrario si esagera, non si dà al corpo il tempo di recuperare e l'allenamento peggiorerà la situazione. È evidente guardando il secondo grafico dell'immagine qui a destra: tempi troppo stretti portano a un progressivo peggioramento della condizione fisica. Le conseguenze non sono banali: il muscolo non migliora, anzi può danneggiarsi più facilmente, il fisico va in stato d'emergenza (lo stress prodotto dall'esercizio fisico è troppo elevato), aumentano i livelli di ormoni che - paradossalmente - facilitano l'accumulo di grasso, così si abbassa il metabolismo e si accumula grasso sottocutaneo (quella che viene volgarmente chiamata "cellulite", anche se il termine dovrebbe indicare qualcosa di molto più serio). Lo sport dovrebbe essere fatto quotidianamente per rendere costante la perdita di calorie rispetto a quante se ne assumono, ma farlo quotidianamente porta più svantaggi che vantaggi (ribadisco: fanno eccezione gli atleti)

La fame

L'allenamento, come è ovvio, aumenta il senso di fame. L'aumento del dispendio energetico porta ad avere naturalmente più appetito ed è una conseguenza logica il fatto di mangiar di più di quando non ci si allenava. Questo vuol dire che se non si controlla la dieta l'allenamento, anche fatto bene, non basta, perché il deficit calorico non cambia. Esistono molti metodi di allenamento che promettono il dimagrimento anche senza cambiare abitudini alimentari, ma è proprio quella la chiave: le abitudini alimentari non dovrebbero cambiare, mentre dovrebbe cambiare l'intensità dell'attività fisica (da sedentaria ad attiva).

I lati positivi dello sport

Mi guardo bene dallo sconsigliare di fare sport, in ogni caso. Esistono centinaia, forse migliaia di studi scientifici che mostrano come una vita attiva sia solo un vantaggio anche in termini di peso corporeo, ma non solo: qualsiasi tipo di sport è capace di migliorare la funzionalità intestinale, di migliorare le analisi del sangue (il colesterolo cattivo si abbassa, il colesterolo buono si alza, i trigliceridi si abbassano, la glicemia si abbassa o si regolarizza...), aumenta la funzionalità cardiaca, migliora la capacità respiratoria e spesso anche il recupero dopo operazioni è favorito dall'attività fisica. Ad esempio sul mio sport, il Nordic Walking, è uscita una review molto interessante che mostra tutti i benefici di questo sport dal punto di vista fisico, ne ho parlato sul sito della mia associazione nell'articolo intitolato Il Nordic Walking: lo sport per la nostra salute. Di certo esistono lavori di questo tenore anche per tutti gli altri sport, perché il movimento, se fatto bene, non può che essere vantaggioso.

Conclusioni

Abbinare lo sport a una dieta sana è la strategia migliore per rimanere in salute, o per migliorare la propria condizione fisica. Il solo sport non è in grado di far dimagrire ma ha comunque innumerevoli vantaggi fisici, ed è sicuramente consigliato, senza esagerare e regolato per ogni tipo di condizione fisica, a chiunque. Per chi fosse interessato, il prossimo corso base di Nordic Walking a Brescia è previsto per il 5, 7 e 12 luglio presso il parco di via Nikolajewka. Vi aspetto tutti!


Brescia, 26 giugno 2016

2 commenti:

  1. @parpaglioni. Quindi le riserve di grasso vengono "utilizzate" dal nostro organismo per ricavare energia? è per questo motivo che si dimagrisce?

    RispondiElimina

IMPORTANTE! LEGGERE PRIMA DI COMMENTARE
Prima di commentare è necessario leggere le regole del blog. Da marzo 2014 i commenti sono moderati, quindi c'è bisogno della mia approvazione per vederli pubblicati.